Vantaggi e svantaggi del co-sleeping

Il co-sleeping con i bambini è un argomento di grande attualità. Ci sono genitori che lo preferiscono e genitori che non riescono a immaginarlo a nessun costo, perché il bambino è giusto che dorma nella sua culla, a volte anche nella sua stanza. Nessuna delle due cose è sbagliata, si tratta sempre delle preferenze dei genitori, di ciò che è più vicino a loro e anche di come si adatta al bambino stesso.

Se guardiamo ai Paesi del Sud America, dell'Africa e dell'Asia, il co-sleeping è la norma, così come portare i bambini in uno scialle. Per queste culture è naturale e, al contrario, potrebbero trovare insensato il nostro modo di separare i bambini in culle e carrozzine. 

Anche nel nostro Paese i genitori dormivano nello stesso letto con i figli, ma quando negli anni Cinquanta uscì un manuale medico che descriveva le ultime scoperte in fatto di educazione dei bambini, la maggior parte delle neomamme lo seguì perché rispettava l'autorità e voleva educare i figli secondo le ultime tendenze. Purtroppo non c'era internet per poter cercare diverse fonti e giudicare cosa fosse meglio per il bambino.

Grazie alle informazioni di cui disponiamo oggi, siamo liberi di decidere quale direzione educativa prendere e se scegliere il co-sleeping, sia perché ci sentiamo così sia perché ci fa dormire meglio.

All'inizio i genitori hanno paura di soffocare i loro bambini, il che è comprensibile. Tuttavia, se si considera che molte persone hanno cani e gatti a letto di notte e non li fanno soffocare, perché dovrebbero far soffocare un bambino che può essere molto rumoroso in questi casi? 

I benefici del co-sleeping 

Il vantaggio principale è la facilità dell'allattamento notturno che significa che né la mamma né il bambino si svegliano completamente e possono riprendere rapidamente il sonno precedente. È utile anche se una donna ha difficoltà ad allattare all'inizio. Il contatto con il bambino favorisce la produzione di latte materno e la maggior parte del latte materno viene prodotto di notte, quindi il co-sleeping è ideale per favorire l'allattamento.

Questo è anche associato a una migliore qualità del sonno, che rende i genitori meno stanchi e il bambino piange meno di notte perché i suoi bisogni sono soddisfatti molto più rapidamente.

Grazie alla vicinanza tra mamma e bambino, il piccolo si sintonizza perfettamente con la respirazione della mamma e non dimentica di respirare regolarmente, il che ha un effetto positivo sulla SIDS. In questo modo, non c'è bisogno di un monitor del respiro, che costa molto e non sempre suona in modo legittimo. 

Molti genitori pensano che se il loro bambino si sveglia spesso di notte, deve avere fame. Ma non è detto che sia sempre così. I bambini hanno spesso bisogno di essere rassicurati sulla presenza della mamma, per questo si svegliano. A volte vengono svegliati dai loro stessi movimenti e hanno bisogno di aiuto per addormentarsi. Spesso si svegliano quando stanno apprendendo nuove abilità di movimento durante il giorno, come girarsi sulla pancia, tenere le ginocchia, arrampicarsi, stare in piedi o camminare. Grazie alla vicinanza della mamma, il bambino si calma rapidamente e si riaddormenta.

Secondo le discussioni tra mamme, i bambini che dormono con i genitori fin dall'infanzia sono più indipendenti prima, perché colmano il loro bisogno di contatto e non lo richiedono più così tanto in seguito.

Non è neccessario di preoccuparsi che il bimbo cade dal letto. Con le sponde letto potete dormire tutti tranquillamente! 

Svantaggi del co-sleeping

Alcuni bambini hanno bisogno di spazi propri e durante la notte può capitare che si sveglino a vicenda e che quindi nessuno riesca a dormire. È importante verificare se il bambino si sveglia nella culla o anche quando dorme con i genitori e decidere se il co-sleeping è l'opzione giusta.

Allungarsi a letto può essere impegnativo per entrambe le parti. A volte i bambini si allungano così tanto da svegliare i genitori, oppure si spostano nel letto e per la loro sicurezza sono necessarie le sponde per evitare le cadute notturne.

Il co-sleeping potrebbe non essere adatto ai papà che devono andare al lavoro il giorno dopo e spesso preferiscono dormire in un'altra stanza. 

Se uno dei due genitori è sotto l'effetto dell'alcol (è più probabile che si tratti di un papà che di tanto in tanto esce a bere una birra con gli amici), il co-sleeping è sconsigliato, poiché il sonno è molto diverso da quello abituale e può essere un problema per il genitore svegliarsi quando il bambino ha bisogno di lui o lei durante la notte.

L'importante è che tutti siano contenti

Se non siete estranei all'idea del co-sleeping, non c'è niente di più facile che provarlo. Se voi e il vostro bambino vi sentite a vostro agio con sistemazioni separate per il sonno, va bene anche questo e non c'è da preoccuparsi. I modelli di sonno dei bambini cambiano continuamente durante i primi anni di vita, quindi il fatto che ora non vi sentiate in grado di dormire insieme al vostro bambino non significa necessariamente che tra qualche mese non vi sentirete a vostro agio a sonnecchiare fianco a fianco. Può anche darsi che con un altro fratello l'esperienza sia molto diversa. Ogni mamma sta facendo del suo meglio, quindi restiamo unite e rispettiamoci a vicenda, anche se abbiamo tutte cose diverse da fare con il sonno del bambino.